Titoli derivati: di cosa si tratta

Chi ha sviluppato una certa esperienza nell’ambito degli investimenti finanziari può cimentarsi con i titoli derivati, ma l’investitore che interagisce con questi prodotti deve essere consapevole che essi sono soggetti ad un alto tasso di rischiosità, visto che si può arrivare a perdere molto più del capitale investito. Si tratta nello specifico di strumenti finanziari il cui valore dipende da quello del titolo o del bene sottostante, ossia dell’asset preso come riferimento dal derivato. 


Il principale punto di forza di questi prodotti consiste nella stessa tempistica offerta agli investitori, dal momento che replicano il prezzo di un’azione, un’obbligazione, della materia prima, della valuta oppure di un altro strumento finanziario; in pratica è possibile fare trading nel breve periodo attraverso operazioni di compravendita di titoli anche nel giro di poche ore oppure minuti o secondi. Si parla di derivati nel campo degli investimenti per far riferimento a degli strumenti finanziari che permettono di far fruttare possibili guadagni sul mercato nel breve termine indirizzando i risparmi verso un titolo o bene. Sono disponibili diverse tipologie di derivati sui mercati finanziari tra cui i futures, maggiormente utilizzati per fare trading, in pratica si ha a che fare con contratti standard sottoposti a negoziazione direttamente nei mercati regolamentati. I futures sono contratti standard che permettono di acquistare o vendere un indice di Borsa, si possono inoltre acquistare e vendere contratti futures sull'oro, sulle valute, sulle materie prime.


Si ha la possibilità di effettuare investimenti anche sui titoli derivati riferiti all’oro, in questo caso il risparmiatore ha l’opportunità di fare trading sul prezzo della materia prima evitando così di risentire delle variazioni tra il prezzo del titolo e quello del metallo sottostante; l’investitore deve fare riferimento esclusivamente ai derivati che costituiscono l’unica forma di guadagno operando nel breve periodo. Per portare a termine un investimento con i derivati è necessario affidarsi ad un intermediario competente ossia ad un broker di riferimento a cui lasciare l’incombenza di investire nelle diverse tipologie di azioni, obbligazioni, valute, materie prime. Tra le altre forme di presentazione dei derivati, che non necessitano da parte dell’investitore delle specifiche competenze o metodi complessi di interazione, bisogna segnalare le opzioni binarie ed i CFD (Contract For Difference), con cui è possibile fare trading comodamente da casa adoperando la rete internet domestica.

SHARE THIS
Previous Post
Next Post